fbpx

DAILY MARKET WIRE

Mercati – Aggiornamento del 30 Agosto 2023

Il commento

Martedì i mercati agricoli statunitensi sono andati in rosso con il riemergere di un sentimento ribassista generalizzato.
Si prevede che nel 2023 gli agricoltori canadesi produrranno più mais e soia, ma meno grano, colza, orzo ed avena.
Si prevede che gli agricoltori brasiliani di prodotti di base come soia e mais ordineranno più fertilizzanti nel ciclo 2023/2024.
L’Argentina riprenderà le esportazioni di pollame verso l’UE dopo la sospensione a causa dell’influenza aviaria.
Il grano europeo è sceso al minimo di sei settimane.
Middle and West Delta Flour Mills ha registrato un aumento del 26,65% su base annua nel suo utile netto.
La produzione totale di mais del Sud Africa potrebbe raggiungere 16,41 milioni di tonnellate in questa stagione.
Il surplus esportabile combinato di cereali e semi oleosi dell’Ucraina potrebbe ammontare a 50 milioni di tonnellate.
Il mercato interno del grano in Russia ha registrato un’inversione di tendenza la scorsa settimana, dopo oltre 10 settimane di crescita.
Al 25 agosto le scorte portuali di olio vegetale in Cina ammontavano a 2,03 milioni di tonnellate.
L’Australia h terminato agosto con 2,92 milioni di tonnellate di cereali totali in programma per l’export.

I mercati

Il grano SRW di Chicago in consegna per settembre è sceso di 18,2c/bu a 569,6c/bu;
L’HRW del Kansas è sceso di 23c/bu a 714,4c/bu;
L’HRS di Minneapolis è sceso di 9,4c/bu a 755,6c/bu;
Il grano MATIF è sceso di 3,5 €/t a 225,25 €/t;
L’ASX australiano in consegna a gennaio ’24 è aumentato di 0,5 A$/t a 407,5 A$/t;
Il del grano del Mar Nero non è stato quotato;
L’US DWI Cash (indice dei prezzi spot del grano duro statunitense) è rimasto invariato a 978,17c/bu;
I prezzi medi spot del 1CWAD (grano duro canadese) sono aumentati di 1,42 C$/t raggiungendo i 519,77 C$/t;
L’EDW (grano duro UE) è sceso di 8,75 €/t a 416,25 €/t;
Il mais di Chicago in consegna a settembre è sceso di 9c/bu a 469,4c/bu;
Il mais MATIF di novembre è sceso di 1,75 €/t a 213,75 €/t;
La soia di Chicago in consegna a settembre è scesa da 13,2c/bu a 1382c/bu;
La canola di Winnipeg di novembre è salita di 2,7 C$/t a 811,8 C$/t;
Il colza MATIF è sceso di 9,5 €/t a 464,75 €/t;
Il greggio Brent di ottobre è salito di 1,07 dollari al barile a 85,49 dollari;
Il greggio WTI di ottobre è salito di 1,06 dollari al barile a 81,16 dollari;
Il BADI (Baltic Dry Index-indice noli marittimi) è salito di 27 punti a 1.107;
Il Dow Jones è salito di 292,69 punti a 34.852,67;
L’indice S&P 500 è salito di 64,32 punti a 4.497,63;
Il NASDAQ Composite ha chiuso in rialzo di 238,63 punti a 13.943,76;
L’indice del dollaro USA (settembre ’23) è sceso di 0,521 punti a 103,471;
L’AUD/USD ha chiuso in rialzo a 0,6480 USD;
L’USD/CAD più debole a $ 1,3552;
L’EUR/USD in rialzo a $ 1,0880;
L’USD/RUB in rialzo a ₽95,4309.

Con questo è tutto, grazie.
Vi auguriamo buona giornata!

Autore: Sandro F. Puglisi

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy